Venezia la città dal miglior ecosistema urbano per Legambiente

'ECO-BOULEVARD' in Villa de Vallecas district in Madrid (Spain). Designed by 'Ecosistema Urbano Arquitectos' firm and completed in 2007.
Reading Time: 3 minutes

Sono stati pubblicati i dati relativi alla XXII edizione di Ecosistema Urbano, il rapporto di Legambiente sulla vivibilità ambientale dei capoluoghi di provincia italiani, realizzato in collaborazione con l’Istituto di Ricerche Ambiente Italia e Sole 24 Ore sulle eco-performance dei 104 capoluoghi di provincia.

legambiente 3Anche quest’anno, come già nel 2012 e 2014, Venezia è stata classificata al 1° posto come qualità ambientale nel suo complesso tra le grandi città (città con più di 200.000 abitanti). Quest’anno gli indicatori selezionati per confrontare tra loro i 104 capoluoghi di provincia italiani sono 18, mentre le città sono state classificate in tre gruppi omogenei per dimensione demografica: inferiore agli 80.000 abitanti; tra gli 80.000 e i 200.000; superiore ai 200.000.

Dal dossier emerge un Paese fermo, dove è marcato il divario tra Nord e Sud.

L’insieme degli indicatori selezionati per la graduatoria di Ecosistema Urbano XXII copre cinque principali componenti ambientali presenti in una città: aria, acque, rifiuti, mobilità, energia.

Venezia si riconferma al primo posto per le grandi città. Stabile la depurazione che si conferma al 97%; cresce sensibilmente, passando dal 43,1% al 50,3%, la raccolta differenziata. Crescono i passeggeri trasportati con i servizi di trasporto pubblico passando dai 592 ai 629 viaggi/ab./anno.
Seguono Verona e Padova al secondo e terzo posto nella classifica riservata alle grandi città.

Nella classifica generale delle grandi città (quelle con più di 200.000 abitanti) i primi 3 posti sono occupati da città venete: Venezia (1ª ed 8ª assoluta), Verona (2ª e 32ª assoluta) e Padova (3ª e 35ª assoluta).
La città lagunare, in particolare, stacca le altre in virtù di alcune buone performance, ma anche grazie alle sua peculiare conformazione.

QUALITA’ DELL’ARIA
Le emissioni di NO2 vedono una riduzione dal 36,5 dell’anno scorso ai 32,5  μg/mc;  le polveri sottili, il valore medio delle PM10 si è ridotto dai 32,8 ai 29,0 μg/mc; per quanto rigurada l’Ozono questo vede una riduzione sensibile della concentrazione passata dai 34,5 ai 27,0 ug/mc. E certo su questi numeri continua ad incidere ancora molto il traffico marittimo e delle grandi navi da crociera.

legambiente 2RIFIUTI E RACCOLTA DIFFERENZIATA
In crescita, seppur di poco,  la produzione complessiva di rifiuti, passando dai 618,7 Kg/ab./anno ai 619,9 kg./Ab. Vi è da considerare che Venezia avendo un elevatissimo afflusso turistico il valore pro-capite è fortemente legato a questi flussi. Vi un consistente miglioramento della percentuale di rifiuti raccolti in modo differenziato che passa dal 43,1% al 50,3%.

MOBILITA’ E TRASPORTI
Continua poi a migliorare il dato relativo ai passeggeri trasportati dal trasporto pubblico che passa dai 592 viaggi/ab./anno del 2013 agli attuali 629 viaggi/ab./anno, valore anche questo fortemente influenzato dai flussi turistici.
Dato quest’ultimo che, messo assieme con il più basso in assoluto numero di auto private Legambiente 5immatricolate nel territorio comunale (42 ogni 100 abitanti) e con la migliore estensione procapite di isole pedonali tra le grandi città capoluogo (dove Venezia è sempre prima con 5,01 mq/abitante, seppur in leggera riduzione rispetto allo scorso anno) ed il buon livello medio di suolo destinato alle bici (12,58 mq_equivalenti/100 Ab., che valgono il primato di categoria tra le grandi città), dimostra una impostazione di certo positiva rispetto al trend generale e comunque del tutto diversa dalla gran parte dei capoluoghi esaminati, per quel che riguarda la gestione dell’insieme della mobilità urbana a Venezia.

CONSUMI ENERGETICI ed ENERGIE RINNOVABILI
Restano sostanzialmente invariati i consumi elettrici domestrici attestandosi sui 1.180 kWh/Ab.  Per quanto riguarda le Energie Rinnovabili: solare; fotovoltaico e termico, la potenza installata su edifici pubblici ogni 1.000 abitanti (kW / 1.000 Ab.), Venezia scivola in 74° posizione con 1,23 kW / 1.000 Ab. Sebbene gli edifici pubblici di Venezia C.S. siano di difficile installazione pannelli fotovoltaici e solare termico, su questo tema, almeno in terraferma probabilmente è ancora possibile un miglioramento.

Nota – Questo è un comunicato che viene riportato integralmente come contributo esterno. Il contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione


Live in Venice-mi-piace

 Live in Venice seguici-su-twitter

 


Scelti per VOI:

 

 

Dicci la tua

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: