Le creme antirughe per il 2019. Ecco quali e perché.

Reading Time: 7 minutes

Ad un certo punto tutti (uomini e donne), prima o poi, volgono il loro sguardo “speranzoso” verso le creme antirughe.

Accade per caso. Accade perchè si cressce e una mattina ci si accorge davanti allo specchio di quel nuovo segno sul viso, ma di fatto la prima cosa a cui si pensa è la crema antirughe. E allora che fare? Proviamo a spiegare semplicemente come approcciarsi ad un mondo, quello della cosmetica, tutt’altro che facile.

Liveinvenice-Live-in-venice-Liveinveneto-Live-in-Veneto-News

Cominciamo con il Perchè si formano le rughe, e quale antirughe scegliere

Con il termine “rughe” ci si riferisce di solito a solchi più o meno profondi che si formano sulla pelle, in particolar modo nella zona del viso.

I primi cambiamenti della pelle anche se impercettibili, si manifestano tra i 25 e i 30 anni, all’inizio sembrano sottili linee che appaiono attorno agli occhi, sulla fronte, ai lati del naso e della bocca.

Non ci si fa particolare caso poichè il più delle volte vengono etichettate come “rughe di espressione*“, causate dalla continua ripetizione di una serie di espressioni facciali quando si sorride, si parla, si pensa,

Il rivestimento cutaneo del viso è continuamente sottoposto a sollecitazioni. Questi movimenti nel tempocreano queste pieghe dermiche.

Dai 30 anni in poi, i segni che si formano sul viso sono ben altra cosa.

Divantano vere e proprie rughe formatesi col naturale processo di invecchiamento dell’organismo. Il termine più appropriato è “rughe di senescenza*“.

Qui entrano in campo diversi fattori, con il passare del tempo, infatti, si riduce l’attività delle cellule che si occupano di mantenere la pelle compatta e tonica.

Non solo a livello dell’epidermide superficiale, ma anche negli strati più interni; dove risulta ben più arduo intervenire senza dover ricorrere necessariamente ad un aiuto estetico (quantomeno le prime volte in crema).

Formazione rughe

Le cellule che compongono il derma (lo strato cutaneo intermedio) più si invecchia, più riducono la produzione di collagene ed elastina.

Si tratta di due proteine che mantengono la pelle elastica e resistente, tesa e liscia.

Allo stesso modo l’acido ialuronico (guarda il nostro articolo al seguente link), che tonifica e idrata la pelle in profondità, viene prodotto in quantità sempre minore con il passarere degli anni.

A livello superficiale, inoltre, le cellule diventano con l’avanzare dell’età sempre meno attive. Risultato? Il ricambio cellulare rallenta e la pelle accumula un maggior numero di cellule morte e tossine.

Il processo successivo è che, quando invecchiamo, le ghiandole sebacee e sudoripare, preposte alla lubrificazione dell’epidermide, si deteriorano via via fino a smettere di funzionare.

È a questo punto che la somma di tutti questi rallentamenti fa perdere alla cute la propria naturale elasticità e compattezza, diventando visibilmente più sensibile, secca e disidratata.

Non c’è molto da fare se, non si cerca di porvi rimedio con alcuni prodotti. Compariranno inevitabilmente pieghe e solchi, andando via via a modificare l’aspetto e di conseguenza i tratti e i lineamenti del viso.

ducis in fundo va detto anche che la formazione di rughe, non dipende esclusivamente da fattori interni al nostro organismo*, ma anche da quelli esterni.

Strano ma vero la luce solare è uno dei primi fattori ad accelerare l’invecchiamento i raggi ultravioletti (UV) riescono a colpire la pelle e “danneggiare” il collagene e l’elastina presenti nel derma. Per questo motivo, si consiglia sempre l’uso di creme o cosmetici dotati di filtri solari (Vedi il nostro articolo) quando si ha intenzione di trascorrere molto tempo all’aperto.

Lo stile di vita e l’alimentazione poi sono l’ultimo fattore determinante nella continua battaglia per la salute e la bellezza della nostra pelle.

Una dieta povera di nutrienti naturali e non equilibrata, infatti, aumenta il processo di invecchiamento cutaneo, soprattutto se unita a consumi eccessivi di alcolici o al fumo.

Come funzionano le creme antirughe

Sembrerà banale ma va detto che si tratta di prodotti pensati appositamente per essere applicati sul viso in modo da prevenire, ritardare o attenuare il più efficacemente possibile la comparsa e l’aumento di solchi e pieghe della pelle.

Fatta questa premessa non ci si può aspettare solo così un risultato miracoloso.

Bisogna usarle con regolarità al pari di come regolarmente ci si lavano i denti. Solo un regolare e costante utilizzo associato ad un buon prodotto può ridarvi risultati notevoli e ritardare l’eventuale “ritocchino” col bisturi.

A questo punto se la costanza è un vostro alleato bisogna sapere che l’effetto di una crema antirughe dipende dagli ingredienti contenuti e dalla sua formula.

La maggior parte delle creme antirughe presenti sul mercato svolge una o più funzioni:

  • Idrata la pelle, dal momento che la minore produzione di acido ialuronico e l’invecchiamento delle cellule riducono la sua capacità di trattenere l’acqua.
  • Rassoda l’epidermide, che invecchiando perde tono ed elasticità.
  • Rinforza le barriere protettive della cute che, con il passare del tempo, è più sensibile alla penetrazione delle tossine.
  • Stimola il ricambio cellulare, visto che a lungo andare il ciclo di rinnovamento della pelle rallenta progressivamente.
  • Leviga la cute e la rende più liscia e uniforme.
  • Protegge dai raggi ultravioletti (UV).
  • Uniforma il colorito della pelle, stimolando la circolazione e schiarendo macchie solari o altre alterazioni della cute.

Un elemento fondamentale di cui tener conto quando si compra una crema antirughe è senza dubbio la lista degli ingredienti utilizzati per produrla*.

Le sostanze utilizzate nella formulazione di questi prodotti sono svariate. Ci sono creme contenenti esclusivamente principi attivi al 100% naturali oppure prodotti formulati con composti chimici messi a punto appositamente in laboratorio.

In ogni caso si tratta di ingredienti assemblati per contrastare tutti quei fattori che provocano o favoriscono la comparsa delle rughe.

In generale, gli ingredienti che possiamo trovare nelle antirughe possono essere raggruppati in cinque grandi tipologie:

  • Sostanze esfolianti: sono ingredienti che rimuovono le cellule morte e favoriscono la rigenerazione della pelle, come acido lattico o acido glicolico.
  • Sostanze schiarenti: svolgono questa funzione contro macchie solari e/o senili ingredienti come la vitamina C, l’acido azelaico o l’estratto vegetale di liquirizia.
  • Sostanze decontratturanti: questi ingredienti decontraggono i muscoli del volto per ridurre le rughe d’espressione. Ultimamente, sono state lanciate sul mercato creme antirughe a base di veleno d’ape (guarda il nostro Articolo) o di vipera, che hanno proprio questo effetto.
  • Sostanze antiossidanti: sono ingredienti che rafforzano le barriere di difesa della pelle, come vitamina A (retinolo), C ed E, estratto di tè verde o il coenzima Q10.
  • Sostanze idratanti, ridensificanti e nutrienti: fanno parte di questa categoria acido ialuronico, collagene, elastina, glicerina, paraffina oppure ingredienti vegetali come olio di jojoba, di mandorla, di argan, di oliva, burro di karité e gel di aloe vera.

Quale crema antirughe scegliere?

Considerate un fattore. Non sempre, la molteplicità di ingredienti e varietà di funzioni è sinonimo di garanzia di efficacia del prodotto.

Come ci si può quindi orientare nella giungla della cosmesi mondiale tra le tante offerte oggi disponibili in commercio, e quali criteri dobbiamo prediligere per scegliere la crema antirughe più adatta alle nostre esigenze?

Personalmente la prima cosa che consiglio è  di prendere in considerazione quando si sceglie una crema antirughe di capire immediatamente il vostro tipo di pelle

Un fattore determinante per quanto riguarda la composizione degli ingredienti della crema e la sua formulazione. Ci sono quattro tipologie di pelle:

  • Pelle grassa: serve una crema dalla texture leggera, non troppo ricca o untuosa, che idrati l’epidermide ma allo stesso tempo la opacizzi, contrastando l’effetto lucido che essa tende a manifestare.
  • Pelle secca: necessita di una combinazione di ingredienti che assicurino un’idratazione intensiva e a lunga durata specie in profondità per contrastare la sua tendenza ad assottigliarsi e disidratarsi.
  • Pelle normale: non ha bisogno di particolari accorgimenti, per cui basta fare affidamento ad una buona crema antirughe idratante e rassodante.
  • Pelle mista: la tipologia più complessa. A seconda delle zone del viso, può presentare caratteristiche della pelle grassa o della pelle secca. In questo caso, consiglio una crema idratante che aiuti a normalizzare la produzione di sebo.

Ad ogni età la sua crema

In molti pensano che “un trattamento d’urto” con una crema antirughe specifica per età avanzata sia la soluzione più veloce. Niente di più sbagliato. Ogni età ha bisogno di una sua specifica crema. È soprattutto da questo fattore che dipendono le caratteristiche della nostra pelle. Per questo motivo, molti prodotti antirughe sono formulati specificatamente per una determinata fascia di età, per la quale la loro efficacia risulta ottimale.

Questo vuol dire che non è vero che una crema antirughe adatta ad una cinquantenne sia ancora più efficace per una pelle di 30 anni. Tutt’altro.

Si può iniziare ad utilizzare una crema antirughe a partire già dai 25 anni*. Con prodotti dall’azione nutriente e idratante, magari arricchiti da vitamine e da filtri solari.

Le creme antirughe vere e proprie sono indicate dai 35 anni* circa in poi, quando iniziano a manifestarsi i primi segni dell’età. In genere hanno una funzione tonificante e antiossidante, stimolano il ricambio cellulare.

Tra i 40 e i 50 anni*, ci si può servire di prodotti con acido ialuronico e collagene, che ricompattino e idratino la pelle in profondità.

Dopo i 60 anni, si possono acquistare creme arricchite da ingredienti decontratturanti per i muscoli del viso o da sostanze schiarenti.

Differenze tra creme da giorno e creme da notte

Le creme da notte*, sono più dense e corpose, perché formulate per nutrire e idratare la pelle in profondità; durante la notte, le cellule sono più attive e questi prodotti sfruttano la loro ricettività per massimizzare il potere rigenerante.

Le creme da giorno, sono idratanti e tonificanti, pensate per proteggere la pelle da agenti esterni irritanti come vento, freddo, smog o la luce solare: per tale motivo, questi prodotti sono generalmente ricchi di vitamine volte a creare una barriera difensiva e di filtri schermanti contro i raggi UV.

La Texture che fa la differenza

I prodotti antirughe* esistono in svariate formule: il mio consiglio a chi sceglie una crema di questo tipo di fare attenzione anche alla sua consistenza.

Le formule più comuni sono tre:

  • Siero: gli antirughe di questo tipo sono liquidi la loro consistenza permette alla pelle di assorbirli velocemente. Bastano poche gocce, poichè si tratta di prodotti molto concentrati. È sconsigliato in giovane età, ma raccomandato particolarmente per le pelli mature. Attenzione a non sbagliare. I sieri antirughe non sono sostituti delle creme, ma un trattamento aggiuntivo.
  • Gel: più leggera e fluida, si assorbe più rapidamente. Adatta soprattutto per pelli grasse.
  • Crema: si tratta della consistenza più densa e ricca, deve essere massaggiata a lungo e con attenzione perché possa essere assorbirta completamente. È adatta per pelli normali e secche.

Il mio consiglio per ottenere il massimo da una crema antirughe

Armatevi di pazienza e costanza, l’effetto antietà delle creme non sarà immediato. E usatele tutti i giorni.

Diffidate dei prodotti che promettono risultati miracolosi. Una volta che avete capito quale crema antirughe sia più adatta a voi avviate alcune accortezze.

Per prima cosa: siate il più possibile costanti. Applicando la crema antirughe solo una volta ogni tanto non si avrà mai alcun effetto benefico e visibile. Questo tipo di prodotti va applicato ogni mattina, se si tratta di una crema da giorno, o ogni sera, nel caso della crema notte.

Durante l’applicazione sul viso, esercitate sempre un massaggio circolare, procedendo sempre dal basso verso l’alto e nel senso opposto rispetto a quello in cui si formano le rughe. Solo così si favorirà sia il completo assorbimento della crema, che una corretta circolazione sanguigna.

di Alice Biasin

N.B. I link con l’asterisco (*) si riferiscono a prodotti commerciali disponibili su Amazon.it

 

 

Sono Alice Biasin ho 23 anni. Ho inizato questa attività spinta dall’amore per questo lavoro. Mi sono innamorata presto del mondo del benessere. Una passione che è nata sui banchi di scuola, prima di tutto per me stessa, e poi perché sono una persona curiosa e con tanta voglia di imparare!

Ho studiato e continuo ad aggiornarmi per raccontare il meglio del settore.

Se volete contattarmi per informazioni dubbi o consigli mi potete scrivere compilando il form qui sotto. Grazie.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Pubblicato il: 3 novembre 2018

Voi che ne pensate? Se l’argomento vi piace, lasciate un commento qui a fondo pagina e anche un mi piace o condividete questa notizia. E non dimenticate di iscrivervi al canale e di seguirci su www.liveinvenice.it


live-in-venice-facebooklive-in-venice-twitterlive-in-venice-youtubelive-in-venice-instagramlive-in-venice-google-plus

Scelti per VOI:


Mirtilli neri o rossi? Scopri il benessere che arriva dal bosco
Benessere: Mani e unghie Perfette
Bellezza e Lusso. Binomio imprescindibile
Scopri tutti gli sconti sull'abbigliamento e le nuove tendenze
www.sfc.company


Booking.com

 

 

Dicci la tua

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: