Una Vespa Così, solo a Frontiers Reimagined

Reading Time: 2 minutes

Ancora un mese per poter visitare gratuitamente Frontiers Reimagined, la mostra aperta al pubblico nel Museo di Palazzo Grimani.

vespa 1Curata da Sundaram Tagore e dal co-curatore Marius Kwint, la mostra esplorerà il tema dei confini culturali attraverso le opere nuove e recenti, molte delle quali realizzate specificamente per la presentazione, create da artisti affermati ed emergenti, provenienti da varie parti del mondo. L’installazione, progettata appositamente per il luogo, si pone in relazione con l’architettura e le collezioni del Museo di Palazzo Grimani, un palazzo del Cinquecento trasformato in museo statale, che occupa un posto unico nella storia e nella architettura di Venezia. Il palazzo, recentemente restaurato, ospita una raccolta storica di opere di Hieronimus Bosch, Giorgione, Vasari e alcuni dei più importanti affreschi della città, eseguiti dai pittori Manieristi Francesco Salviati, Federico Zuccari e Camillo Mantovano.

vespa 4Frontiers Reimagined, che comprende più di sessantacinque opere eseguite su supporti diversi da quarantaquattro artisti provenienti da venticinque paesi, vuole mostrare la ricchezza intellettuale ed estetica che può emergere nell’attuale mondo globalizzato quando gli artisti si impegnano nel dialogo interculturale. Sundaram Tagore e Marius Kwint hanno scelto gli artisti in base alla loro condivisa prospettiva globale, come è ben visibile nelle loro esplorazioni  artistiche e nella loro esperienza quotidiana di vita e di lavoro attraverso confini fisici, che vanno dall’Occidente, all’Asia, all’Africa.

Frontiers Reimagined” è stata concepita per informare e sensibilizzare i visitatori sui problemi concettuali e formali che emergono in ambito artistico dallo scambio interculturale” ha affermato Sundaram Tagore. ” Speriamo che il pubblico capisca che questo scambio non è soltanto un aspetto legato alla contemporaneità, ma rappresenta la realtà del futuro”.

vespa 2La mostra mette in evidenza i risultati positivi che la globalizzazione ha sulla produzione artistica, poiché l’appropriazione selettiva, culturale ed artistica, è diventata sempre più prevalente e poiché la produzione artistica locale continua ad acquisire una crescente visibilità ed accettazione nelle piattaforme internazionali.

Frontiers Reimagined vuole annullare le barriere del nazionalismo predominante, dell’etno-centrismo e della politica identitaria “, ha affermato Marius Kwint. ” In questa fase della storia, con persone nel mondo sempre più rinchiuse in ideologie intransigenti, la fusione di idee oltre i confini, non è mai stata più vitale”.

 

INFORMAZIONI SULLA MOSTRA
Titolo: Frontiers Reimagined
Direttore del Polo museale del Veneto: Daniele Ferrara
Commissario e curatore: Sundaram Tagore
Co-curatore: Marius Kwint
Coordinatore generale: Nathalie Vernizzi
Sede espositiva: Museo di Palazzo Grimani
Indirizzo: Ramo Grimani, Castello 4858
Apertura per il pubblico: fino al 22 novembre 2015
Orario: dalle 10.00 alle 18.00 dal martedì alla domenica. Chiuso il lunedì
Biglietti: accesso gratuito alla mostra Frontiers Reimagined
Tel. della sede espositiva: +39 – 041 241 1507
Website: frontiersreimagined.org

Nota – Questo è un comunicato che viene riportato integralmente come contributo esterno. Il contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione


Live in Venice-mi-piace

 Live in Venice seguici-su-twitter

 


Scelti per VOI:

 


Dicci la tua

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: