Visions of Venice. Tra luci, ombre e sfumature.

Visions of Venice. In anteprima internazionale, dopo averne mostrato un estratto al MIA 2015 di Milano, inaugura il 22 gennaio 2016 alle 18.00 alla Casa dei Tre Oci alla Giudecca di Veneziala la mostra di Roberto Polillo.

visions 2In programma fino al 28 marzo 2016 e inserita all’interno della manifestazione “Tre Mostre – Tre Oci”, l’esposizione è introdotta da un testo di Denis Curti ed è curata da Alessandro Luigi Perna.

A comporre  la mostra Visions of Venice, 75 immagini di Venezia (dal piccolo al grandissimo formato) realizzate dal fotografo Roberto Polillo nell’ambito di un progetto personale pluriennale dedicato alla città. In esposizione e nel libro che l’accompagna, edito da Skira, anche una selezione di citazioni su Venezia tratte dalle opere di alcuni dei più grandi scrittori italiani e internazionali.

“Visions of Venice” rappresenta il primo capitolo di “Impressions of the World”, il progetto ormai decennale di Roberto Polillo che ha per obiettivo la ricerca del Genius Loci di città e paesi del mondo. Un’avventura artistica e spirituale che finora lo ha portato in Marocco, India, Sud Est Asiatico, America Centrale, New Mexico, Miami, Islanda e Italia. Il progetto è tutto realizzato in ICM – Intentional Camera Movement, una tecnica di ripresa ancora poco conosciuta ma di grandi potenzialità artistiche che impone di realizzare le immagini tenendo tempi di ripresa lunghi e muovendo la macchina fotografica durante lo scatto.

La storia di Roberto Polillo come fotografo inizia nei primi anni ’60. È in quel periodo che il padre Arrigo Polillo, a tutt’oggi il più importante critico di musica jazz in Italia, lo spedisce a fotografare i grandi musicisti jazz di passaggio nel nostro paese per pubblicarne le immagini su Musica Jazz, la rivista di cui è direttore. Buttato nella mischia da giovanissimo, Polillo impara presto e bene il mestiere di reporter tanto da scattare immagini che entrano nella storia della fotografia dello spettacolo – oggi una sua mostra è in esposizione permanente alla Fondazione Siena Jazz. Ma poi agli inizi degli anni ’70 appende la macchina fotografica al chiodo per dedicarsi ad altro: l’imprenditoria e l’insegnamento universitario, entrambi nel campo dell’informatica, diventano infatti il suo futuro.

Visions 3A riaccendergli la passione per il mezzo è la tecnologia digitale applicata alla fotografia. Che Roberto Polillo porta alle sue estreme conseguenze con la tecnica di ripresa ICM – Intentional Camera Movement. Usa infatti la macchina fotografica come fosse un pennello: tempi molto lunghi e movimenti di ripresa sempre diversi – verticali, orizzontali, circolari, obliqui, lenti o bruschi a seconda di come lo ispira il soggetto – fanno delle sue fotografie affascinanti rappresentazioni pittoriche della realtà. Il perfezionamento delle immagini avviene poi in postproduzione, fase di elaborazione fondamentale perché permette di declinare le immagini secondo la cifra stilistica di ciascun autore.

A ispirarlo culturalmente ed esteticamente sono i pittori viaggiatori dell’800 (soprattutto gli orientalisti) e artisti come Delacroix, Matisse, Renoir, Van Gogh, Turner, De Chirico. Ma per quanti riferimenti ci siano nelle sue immagini alla pittura moderna e contemporanea, Roberto Polillo crea per sé e per il suo pubblico un suggestivo universo artistico ed estetico del tutto originale e autonomo.

Il fotografo si pone davanti a Venezia come i viaggiatori del passato, cercando di astrarsi dai tempi moderni in cui viviamo. Immagina infatti di rivivere tutta la meraviglia di coloro che per la prima volta giungevano in questa città dalle architetture visionarie e fantasmagoriche, con gli edifici, affacciati a precipizio sull’acqua, che sembrano avere fondamenta liquide anziché solide, con canali al posto delle strade e barche invece che carrozze per spostarsi, e con vicoli che sembrano nascondere un misterioso e magico segreto dietro ogni angolo.

visions 1La Venezia di Polillo, esplorata in differenti momenti della giornata e nelle diverse stagioni dell’anno, è carica di colori e umori mutevoli. Come fosse in grado di esprimere tutto l’arco dei sentimenti umani attraverso le sue luci, le sue ombre, le sue sfumature cromatiche. A volte è una città luminosa, solare, ottimista. Altre è invece cupa, misteriosa, gotica e avventurosa. Altre ancora è intimista, malinconica, desolata, quasi disperata.

Roberto Polillo, senza mai accontentarsi, con il suo sguardo profondo, va a caccia delle molteplici anime di Venezia e ce le mostra in forma di potenti suggestioni pittoriche che mettono a nudo una città che sembra perduta, anzi sospesa, in eterno, nel tempo.

Dal 22 Gennaio 2016 al 28 Marzo 2016 Venezia “Visions of Venice”.

Luogo: Casa dei Tre Oci

Curatori: Alessandro Luigi Perna

Orario: 10-18; chiuso martedì

Telefono per informazioni: +39 041 24 12 332

E-Mail info: info@treoci.org

Sito ufficiale: http://www.treoci.org/

Nota – Questo è un comunicato che viene riportato integralmente come contributo esterno. Il contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione


Live in Venice-mi-piace


Scelti per VOI:



2015 Famiglia Image Banner 728 x 90

Dicci la tua

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: